FAVORITE LINKS




Italian Restaurant Guide for St. Louis
Eating out? Check it here

ST. LOUIS ORGANIZATIONS

Italiano per piacereLogo di Italiano per piacere
Socio-cultural, to promote the Italian language.  Meets every other month, Italian speaking only

Italian Club of St. LouisItalian Club of St. Louis Logo
Socio-cultural, meets to discuss subjects of interest to the Italian- American community

Italia America Bocce Club LogoItalia America 
Bocce Club
St. Louis' Bocce Club,
since 1975

UNICO - St. Louis Chapter
Unico National LogoChapter of US service org, fund raisers for local charities
ARCHIVES

Hill 2000 Logo
Hill 2000
The neighborhood organization of "the Hill"


Sicilian Cultural AssnSicilian Cultural Society of St. Louis Logo
Socio-cultural, meets monthly to promote the Sicilian heritage

FIAO
Special interest. Organizational and support activities for local I-A events

Fratellanza Society LogoFratellanza Society
Fraternal organization to promote unity between Italians and their adopted country

Societa` di Mutuo Soccorso Maria SS. della Misericordia LogoMisericordia Society
Preservation of  the Italian culture to the community

Italian Community Band of St. Louis

Cheltenham Lions
Columbus Day Corp.
I.P.C. Bosco Boys
Italian American Bar Assn
Italian Americans of SW IL
Knights of Columbus
North County I-A Seniors
PBM
Red White & Green, Inc.
St.L-Bologna Sister City
St. Louis Italian Open


Great exposure
Great exposure, large targeted audience



Copyright © 1997- Present
ItaliaUSA All rights reserved
MONDO NEWS
(Click on titles)

MESSAGE FROM THE COORDINATOR

  We are in the process of setting up a
network troughout the State of Missouri comprising people who are interested and passionate about doing something useful for our communities of Italians and Italian Americans abroad, consistent with the philosophies of the Italian center right movements. We are looking for a few people who want to make a difference: if you are interested in joining us toward this goal or recommend someone who could, please do not hesitate to contact me. Thank you.

Stiamo formando nello stato del Missouri una rete di persone interessate e passionali nel migliorare le nostre comunità italiane e italo americane all'estero, in sintonia con l’ideologia del centro destra italiano. Cerchiamo poche persone capaci di portare progetti a termine: se tu o qualcuno che conosci siete interessati, non esitare a contattarmi. Grazie.

Franco Giannotti
Forza Italia Coordinator
State of Missouri
FrancoGiannotti@ForzaItaliaMissouri.com


NISSOLI E DE MARTINI (FI) NOMINANO FRANCO GIANNOTTI COORDINATORE DI FORZA ITALIA DELLO STATO DEL MISSOURI

ROMA\ aise\
21/08/2017 - 14.44 - Nell’ambito della riorganizzazione di Forza Italia negli USA, l’onorevole Fucsia Nissoli (Coordinatrice Forza Italia Nord e Centro America) e Susy De Martini (Coordinatrice Forza Italia USA) hanno nominato Franco Giannotti coordinatore di Forza Italia dello Stato del Missouri, nella prospettiva del rilancio dell’attività del partito in tale Stato degli USA.
Giannotti, presidente di una società di informatica e telecomunicazioni, è molto attivo tra la Comunità italiana: infatti, ha organizzato corsi di lingua italiana a St. Louis ed è fondatore e presidente dell’associazione “Italiano per piacere”, oltre che essere responsabile della Commissione Informazione e Comunicazione del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo dell’America del Nord ed essere stato presidente di UNICO National, St. Louis Chapter.
“Con l’aggiunta di Giannotti alla schiera dei coordinatori già attivi sul territorio americano – affermano Nissoli e De Martini – Forza Italia si va sempre più radicando anche nei territori del Midwest degli Stati Uniti d'America per tessere quella rete di rapporti fondamentali non solo per il sostegno alla nostra Comunità in USA ma anche per l’affermazione del nostro Sistema-Paese e, pertanto, esprimiamo al neocoordinatore i nostri auguri per un proficuo lavoro”. (aise)


STELLE NASCENTI NEL FIRMAMENTO ITALICO DI ST. LOUIS (MISSOURI) NELLA PRIMA GRAN FESTA DI FERRAGOSTO

ST. LOUIS\ aise\ 17/08/2017 - CIAO ST. LOUIS, da sé un ente di recente lignaggio, continua a sorprendere la comunità ideando e gestendo attività sociali per le quali riscontra entusiasmo e partecipazione dalle associazioni più progressive della zona.
   Guidata dal presidente Cav. Rio Vitale, abile e dedicato leader della comunità, la CIAO STL, con il sostegno dall'Italian Club of St. Louis, Italiano Per Piacere e il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo, propone un’aggressiva agenda per i prossimi eventi tipo la Festa Italiana e la parata di Cristoforo Colombo sulla nota “HILL” di St. Louis, il quartiere italiano di lunga data; il Ballo in Maschera di Carnevale e una pletora di attività ancillari che questa volta hanno visto il successo della prima Gran Festa di Ferragosto, condotta nel padiglione Enterprise dello Shaw Park in Clayton, dalle 16 alle 23, con la musica italiana fornita da Mike Santangelo, DJ e conduttore del programma radio della CIAO STL.
   Frutto dell'instancabile animatore Michael Cross, vice presidente della CIAO STL e Consigliere di IPP, un’ottantina di famiglie si è radunata per il riuscito evento contribuendo un incredibile e gustoso assortimento di piatti italiani che hanno coronato la gastronomia del Master Chef Gian Nicola Colucci del rinomato ed esclusivo ristorante “CIELO” della catena alberghiera Four Seasons, il quale con i suoi aiutanti si è prestato ai fornelli a carbone del parco per sfornare kebab, salsicce, pollo e hamburger. È veramente lodevole che uno chef stellato di fama internazionale come Chef Colucci si presti cosi spesso e volentieri, gratuitamente e con entusiasmo al servizio della nostra comunità; certamente, assieme a Michael Cross, Scott Hoff e altri, Chef Colucci e una delle nostre stelle nascenti.
   Presenti all’evento l'intero Consiglio di Amministrazione di CIAO STL, gli onnipresenti Chris Stephens dell'Italian Club of St. Louis e Franco Giannotti del CTIM e Italiano Per Piacere, membri dei consigli delle suddette associazioni Jay e Laura Di Maggio, Loretta April, Marianna Vitale, Tatiana Santangelo, Scott Hoff, Giovanna Leopardi, Krystal Shuskey, rappresentanti academici professoressa Annelise Morani Brody, docente d’italiano alla Washington University con il dott. David Brody, il dott. Elliott Tietov con la Maestra Francesca Tietov, già Prima Arpa dell’Orchestra Sinfonica di St. Louis e la professoressa Susan Harper Stang.
   Anche presenti Alessandro Fossemo, Alessandro Valentini, Tiziana Orsini, Federico Alessi, Marcello e Leticia Pesce, Ada Daus Cross, Riccardo e Jessica Hayes, Valerio e Carrie Hayes, Paolo De Bona, Ornella Di Lorenzo-Sibilla, Valentina Militello, Christian Pizzi, Giovanna Capaldo e molti altri, per la maggioranza accompagnati dalle loro famiglie con tanti giovani e giovanissimi da dar veramente credito al nostro mantra che l'italianità di St Louis non solo progredisce, ma si sta rinnovando.
   Le festività sono continuate tardi nella serata e sono terminate con un grande karaoke italiano, dove la voglia di esibirsi ha notevolmente superato le capacità canore dei partecipanti, come si dimostra nei vari clip di YouTube. Rimanete in sintonia per futuri comunicati a dimostrare che l'associazionismo italiano deve e può funzionare. Buon ferragosto a tutti. (franco giannotti*\aise)



HIGHLIGHTS
Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo
CTIM -  Nord America


Center Right Italian Political Party

WEB SITE
ITALIAN RADIO PROGRAM
FACEBOOK


Submit your book for a free listing
Titles that every Italian-American library should be proud to own

Great exposure
Great exposure, large targeted audience
reasonable prices

Click on logo for cities, dates and titles

Views and selections
by an authoritative
Italia
n American

Elected Italian Representatives to the USA
Visitate il portale COMITES

Great exposure, large targeted audience
Great Value and Exposure

Storia d'Italia a cura di Luisa Gabbiani Flynn
From the very beginning...

Co son lontan de ti...
Una bellissima città...

By far one of the best sites on the net.  Enjoy it.
Great genealogy site
Send MailWrite to the management of this portal

Visitor #: 

Make this your Home Page!


AGENZIE STAMPA
ITALIANE


Italian News Agency








News in Italian


dall'Italia
(Click on titles)

da "Il Punto" di Marco Zacchera

Riflessione: MARCO E GLORIA:  I MIGRANTI DIMENTICATI
Marco e Gloria, i due fidanzati italiani morti a Londra nel rogo assurdo di un palazzo senza sicurezza sono il simbolo del sacrificio dei giovani italiani costretti all’emigrazione perché – nonostante la laurea e la buona volontà – per loro le porte in Italia restavano chiuse, senza concrete speranze di lavoro  e di futuro e nonostante il costo di averli fatti crescere e studiare.
Calano le nascite perché non ci sono nuove famiglie, ma anche perché non c’è sicurezza di vita per crearle e anche i migliori devono fare i conti con la disoccupazione o i contratti di formazione gratuiti, gli apprendistati sottopagati, lo sfruttamento di chi può imporre qualsiasi cosa in un mercato del lavoro a senso unico.
Dove sono i bilanci onesti di un quinquennio di job act, di mille statistiche, di voucher cancellati per motivi demagogici (perché alla fine sette euro e mezzo all’ora sono pochi ma molto meglio del nulla e ora - via i voucher - è restato il nulla)?
Siamo una società di folli dove si manifesta “per il lavoro” e per questo si bloccano i servizi, in cui leggi, sindacati, diritti acquisiti sono intoccabili a vantaggio di chi ha già dei diritti, ma non c’è tutela per quelli – ormai la maggioranza – fuori dal mercato del lavoro e che, restandoci sine die, sono costretti ad emigrare.
Alla fine - e non certo contenti - ai  tanti Marco e alle Gloria del nostro paese non resta che scappare, sperando per il meglio: 400.000 giovani italiani solo nell’area di Londra ma quelli in Germania, in USA e Australia sono anche di più.
Non sono molto diversi dai loro nonni obbligati a salpare per le Americhe.
Oggi forse ci arrivano in poche ore in economy class o atterrano a  Londra con Easyjet, ma alla fine scappano allo stesso modo e sono costretti a farlo perché in Italia risposte concrete non ce n’è.
Dobbiamo iniziare a porci delle domande, per esempio se sia drammaticamente meglio spendere miliardi per accogliere i migranti o per assicurare un prestito d’onore ai neolaureati.
E’ meglio – in termini di paese – aiutare centinaia di migliaia di persone che non parlano l’italiano e che si integrano con estrema difficoltà, che volenti o nolenti creano una infinità di problemi o aiutare finalmente altrettanti  giovani che potrebbero rilanciare la nazione?
I conti sono presto fatti: ogni migrante ci costa almeno 1000 euro al mese di solo mantenimento, poi c’è tutto l’indotto dall’assistenza sanitaria alla sicurezza.
Migliaia di nostri giovani neolaureati o neodiplomati non meriterebbero forse un periodo di avvio al lavoro o di prestito d’onore a 1000 euro al mese?
Un arrivo in meno e un italiano aiutato e inserito in più: il conto è pari, visto che solo il 4% dei richiedenti asilo dimostra poi di averne diritto (vedi la tabella più sotto).
Non si vuole preconcettamente buttare a mare nessuno, ma forse è arrivata l’ora di un maggiore equilibrio, filtrando davvero gli arrivi e destinando risorse concrete a chi merita, ma soprattutto investendo nel futuro del nostro paese, ai minimi europei per lo sviluppo.
Quanto “perdiamo” ogni anno per i cervelli che – pur faticosamente formati – se ne vanno all’estero? Senza considerare tutte le problematiche sociali, umane, famigliari, e di mancata innovazione che innescano queste partenze.
E’ un conto drammatico cui non pensa nessuno, tantomeno  Palazzo Chigi.


NUMERI
Non si tratta di essere o meno "buonisti", ma mantenere un atteggiamento responsabile e serio davanti al fenomeno dell’immigrazione clandestina. Sono i NUMERI che sottolineare il fallimento dell’ Italia in questo campo e fanno comprendere lo scetticismo europeo nei nostri confronti.
Per esempio a fronte di centinaia di migliaia di arrivi, in tre anni (dal 1.1.2014 al 31.12.2016) dall’Italia sono stati espulse solo 9.925 persone contro i 35.745 della Francia e i 19.859 della Germania.
Guardate il caso dei nigeriani: arrivati nel solo 2016 in 18.542, sono state accolte (compresi  per arrivi negli anni precedenti) solo 521 domande di asilo e quindi 18.521 di loro (solo del 2016)  sono ufficialmente clandestini, più tutti quelli che erano arrivati prima.  Eppure nel 2016 sono stati espulsi solo 120 cittadini nigeriani  ovvero lo 0,7% di chi doveva esserlo. E poi ci stupiamo se  arrivano a frotte e in Europa non vogliono aiutarci sostenendo che siamo poco seri, oppure che a Torino sia in corso un processo con 44 imputati per la mafia nigeriana che ha preso piede in Piemonte? 

POLITICHE ITALIANE
ELEZIONI 24 & 25 FEBBRAIO 2013VAI ALLA PAGINA ELEZIONI

Great exposure, large targeted audience